Ristorante De' Minimi

Il ristorante

Quando i prodotti genuini della nostra terra incontrano l’estro creativo di un talentuoso chef non possono che nascere attimi di puro godimento.

Il Concept

Il culto della materia prima nella sua massima espressione. Una ricerca che parte da lontano, dalle origini dei prodotti alla riscoperta delle materie organiche antiche, prive di modificazioni genetiche che non siano opera della natura stessa.




Un’attenzione alla stagionalità e alla territorialità, unita alla cultura della produzione biologica. Una terra, la nostra, generosa e abbondante, che ci offre tutto ciò di cui abbiamo bisogno per creare vere esperienze gastronomiche.

i piatti

Concept del ristorante

La cucina dei frati minimi è l’antenata della dieta mediterranea, codificata dal frate calabrese, ora Santo, San Francesco da Paola, più di 500 anni fa. Pesce, verdura, legumi e cereali e molta fantasia in cucina. Una cucina di magro che il religioso osservò tutta la vita (e la prescrisse ai Frati Minimi suoi seguaci). Sembra che il santo sia morto a 91 anni.
Scopri i nostri menù

Le materie prime

Ciò che la terra ci regala noi rispettosamente accogliamo, sapientemente rielaboriamo e, con la creatività di un artista in cucina, trasformiamo in un’esplosione di sapori difficile da dimenticare.
Mare e terra, in un tutt’uno meravigliosamente combinato. Ricette tipiche nella loro semplicità ma sorprendenti nella loro rivisitazione.
il nostro credo a tavola
Ristorante De' Minimi
Ristorante De' Minimi
il concept
La cucina dei frati minimi è l’antenata della dieta mediterranea, codificata dal frate calabrese, ora Santo, San Francesco da Paola, più di 500 anni fa. Pesce, verdura, legumi e cereali e molta fantasia in cucina. Una cucina di magro che il religioso osservò tutta la vita (e la prescrisse ai Frati Minimi suoi seguaci). Sembra che il santo sia morto a 91 anni

Giulio Ierace

Ristorante De' Minimi
Calabrese verace, Giulio è il giovane e talentuoso Chef del Ristorante De' Minimi.


Allievo dei più rinomati chef stellati italiani, da cui ha appreso l’arte dell’alta cucina, Giulio scommette ora sulla sua terra, in cui fa ritorno con l’entusiasmo di chi sente il richiamo delle sue radici.
Con il suo stile personale rivisita e crea i suoi piatti giocando con consistenze e cotture diverse, partendo da poche materie prime protagoniste.